AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Polizia di Ancona ferma 4 serbi con denaro, gioielli, stupefacenti e attrezzi da scasso

Un uomo finisce in carcere, accuse di ricettazione e spaccio e indagini per risalire ai proprietari dei monili - FOTO

1.910 Letture
commenti
Volanti di Ancona fermano 4 serbi e recuperano la refurtiva
Nella ultime quarantotto ore  gli Agenti delle Volanti di Ancona, diretti dal Vice Questore Aggunto Cinzia Nicolini, hanno effettuato una vasta operazione di Polizia su tutto il territorio dorico che si è conclusa con la cattura di quattro serbi di 20, 25, 29 e 49 anni, pregiudicati e disoccupati.

 I controlli a “scacchiera” di alcune zone della città, scattati dopo le segnalazioni di alcuni tentativi notturni di furto in abitazione avvenuti nei quartieri a sud di Ancona, hanno portato all’individuazione di una banda di malviventi che, verosimilmente, ha messo a segno negli ultimi giorni alcuni colpi nel capoluogo dorico e provincia .
Dopo una frenetica attività i poliziotti sono riusciti ad individuare i quattro serbi mentre tentavano di allontanarsi da Ancona a bordo della loro autovettura fermandola nella tarda mattinata di oggi nei pressi di Piazza Rosselli.
Refurtiva recuperata dalla Polizia di Ancona: gioielli in oroNel corso delle perquisizioni gli agenti hanno rinvenuto e sequestrato numerosi oggetti atti allo scasso, guanti e torce  elettriche. All’interno dei loro borsoni è stata rinvenuta una ingente somma di denaro tra dollari americani, dollari canadesi, dollari australiani ed euro nonchè decine di banconote in vari tagli delle vecchie lire.
Rinvenuti e sequestrati anche alcuni oggetti in oro (ciondoli, anelli, pezzi di braccialetti) collane in perle, tre diamanti di diversi carati (0.03, 0.22, 0.04) contenuti nei rispettivi blister, nonchè 55 pastiche di anfetamina e metanfetamina.
Refurtiva recuperata dalla Polizia di Ancona: diamantiPer tutti è scattata, per il momento, l’accusa di concorso in ricettazione ed il possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso e del denaro ma ovviamente sono tuttora in corso indagini al fine di identificare i proprietari degli oggetti preziosi sequestrati.
Per i due serbi più giovani è scattata anche l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, reato per il quale dovranno rispondere all’Autorità Giudiziaria con rito direttissimo probabilmente nella mattina del 29 ottobre,  mentre per quello più anziano si sono aperte le porte del Carcere di Montacuto in quanto gravato da un mandato di cattura per l’espiazione di una pena residua, ovviamente per un furto in abitazione.
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!