AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Dall’emergenza terremoto alla ricostruzione. Ma come?

Svolto ad Ancona il seminario della Cna Costruzioni Marche: "necessità di qualificare le imprese e le maestranze"

1.750 Letture
commenti
Svolto ad Ancona il seminario sulla ricostruzione post-sisma della Cna Marche

Dall’emergenza alla ricostruzione. Nei 131 Comuni del cratere quelli marchigiani sono 87 con oltre la metà degli 85.798 edifici che hanno subito danni e oltre 50mila attualmente inagibili. E’ ai loro proprietari che occorre dare una risposta in tempi brevi, accelerando la chiusura della fase dell’emergenza per avviare la ricostruzione.

Una ricostruzione che dovrà passare necessariamente attraverso il coinvolgimento delle ditte edili locali. Imprese che operano da sempre in zone sismiche e conoscono il territorio e le sue peculiarità. Come è emerso dal seminario “Caratteristiche e qualità della Ricostruzione” organizzato dalla Cna Costruzioni Marche, che si è tenuto ad Ancona, nella sede dell’associazione artigiana.

Svolto ad Ancona il seminario sulla ricostruzione post-sisma della Cna MarcheSono intervenuti il Prof. Stefano Lenci dell’Università Politecnica e membro del Comitato tecnico scientifico della Struttura del Commissario alla ricostruzione e l’ing. Andrea Crocioni responsabile dell’Ufficio speciale ricostruzione della Regione Marche per i territori di Ascoli Piceno e Fermo.
All’incontro hanno partecipato imprese edilli e professionisti delle Marche. Tra gli altri il presidente degli Ordini degli ingegneri di Ancona Roberto Renzi e di Pesaro Urbino Giorgio Fazi.
I lavori del seminario sono stati coordinati dal presidente dellla Cna Costruzioni Marco Zucconi e dal responsabile regionale Cna Costruzioni Marco Bilei.

Le relazioni e il successivo confronto con imprese e professionisti” hanno affermato Zucconi e Bilei “hanno posto l’accento sulla necessità di qualificazione delle imprese e delle maestranze per affrontare la lunga fase della ricostruzione post terremoto. Importante anche l’utilizzo di tecnologie e materiali specifici: fibre di carbonio, legno e acciaio In particolare si è ribadita la necessità di porre al centro della ricostruzione le imprese del territorio“.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!