AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Omicidio a Sassoferrato: chiesti 30 anni per Dimasi

Il gup Paola Moscaroli si esprimerà l’11 gennaio

1.019 Letture
commenti
tribunale, giudici, sentenza, giustizia, processo

Rischia 30 anni di carcere Sebastiano Dimasi, il 55enne calabrese accusato di aver ucciso lo scorso 28 gennaio, a Sassoferrato, Alessandro Vitaletti, docente di lettere e suo presunto rivale in amore.

Si è aperto nella giornata del 9 novembre il procedimento nei confronti dell’autore dell’efferato omicidio: da una parte la procura che parla di omicidio premeditato, efferato e commesso con oltre venti coltellate, dall’altra la difesa che opta per la tesi di un eccesso colposo di difesa, maturato a seguito di un’aggressione.

Il pm Serena Bizzarri, al termine della requisitoria, ha chiesto 30 anni di carcere; il gup Paola Moscaroli si esprimerà l’11 gennaio. Potrebbe anche decidere sul risarcimento chiesto dalla famiglia della vittima, rappresentata dall’avvocato Roberto Marini.

Il sanguinoso episodio si svolse in pieno giorno: Vitaletti, docente di lettere molto conosciuto in paese, venne raggiunto quando si trovava in strada – in via Buozzi – dopo essersi fermato a fare benzina. Li venne accoltellato più volte dal 55enne che poi si diede alla fuga a bordo di un’utilitaria. Pur soccorso, il quarantasettenne, caduto a terra, morì durante il trasporto in ospedale. Dimasi venne arrestato dopo una fuga di 24 ore.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!