AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Ancona, tratti in arresto due spacciatori di 27 e 31 anni

I due erano soliti spostarsi in auto tra le vie della città per raggiungere i propri clienti; arrestato anche un latitante

965 Letture
commenti
Polizia

Giornata movimentata quella di lunedì 12 febbraio per gli agenti della Polizia di Stato di Ancona, che nel giro di poche ore si sono imbattuti in due corrieri della droga e in un individuo interessato da un mandato di cattura europeo.

Il primo episodio si è verificato in via Amurri intorno alle 20.30. Una pattuglia ha fermato per un controllo di routine una Fiat Punto a bordo della quale viaggiavano un 31enne di origini campane e un 27enne originario della Puglia: entrambi sono stati visti nascondere qualcosa prima del sopraggiungere dei poliziotti, motivo per il quale sono stati sottoposti a perquisizione.

Il 27enne seduto sul sedile del passeggero è così stato trovato in possesso di poco meno di 100 grammi di hashish di alta qualità, celati addosso assieme ad un bilancino di precisione. I due, che avevano con sé numerose banconote di piccolo taglio, hanno tentato di convincere le forze dell’ordine di aver appena acquistato gli stupefacenti in questione, spiegazione che non ha però convinto gli agenti. A seguito di un controllo condotto sui loro cellulari, infatti, è stato possibile scoprire che essi avevano imbastito una sorta di attività da “corriere espresso” per la consegna dell’hashish in vari punti della città, a seconda delle richieste pervenute dalla loro clientela.

Per ambedue sono scattate le manette con l’accusa di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio: il loro arresto è stato poi convalidato nella mattinata di martedì 13 febbraio.

Parallelamente a questi arresti, la Polizia ha inoltre scovato un 48enne romano gravato da numerosissimi precedenti riguardanti furti nei negozi e borseggi. Alla vista delle forze dell’ordine egli ha tentato invano di scappare, venendo acciuffato dopo pochi metri: è stato necessario un semplice controllo delle sue impronte digitali per scoprire che nei suoi confronti era stato emanato un mandato di cattura valido in tutta Europa e relativo a diverse condanne accumulatesi. Il 48enne è stato infine trasferito nel carcere di Montacuto, dove sconterà una pena pari a tre anni di reclusione.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!