AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Ancona, rintracciati i responsabili della rapina al furgone portavalori del settembre 2015

L'assalto al mezzo della Fitist, verificatosi lungo l'A14, era valso ai malviventi quasi 5 milioni di euro

895 Letture
commenti
Rapina al furgone portavalori

Al termine di indagini prolungatesi per oltre due anni, la Polizia di Stato di Ancona ha rintracciato i responsabili della rapina al furgone portavalori Fitist avvenuta il 30 settembre 2015.

Il colpo, messo a segno nel tratto dell’A14 compreso tra i caselli di Ancona Sud e Loreto-Porto Recanati, aveva fruttato ai malviventi circa 4,7 milioni di euro. Sin dai giorni immediatamente successivi al fatto gli uomini della Squadra Mobile di Ancona si erano messi al lavoro sul caso, arrivando progressivamente a svelare l’identità di molti degli individui coinvolti nella rapina.

Dopo aver deposto presso la Procura della Repubblica del capoluogo dorico un’ampia informativa contenente i risultati delle indagini, le forze dell’ordine hanno quindi sottoposto a perquisizione le abitazioni di otto persone residenti nei dintorni di Cerignola, nel foggiano, sebbene alcune di loro fossero già state tratte in arresto per reati simili.

Quattro degli otto indagati, infatti, erano già finiti in manette nell’agosto dello scorso anno per aver partecipato a un’altra rapina ai danni di un furgone portavalori a Pisa, mentre il capo della banda (P.S., pregiudicato originario proprio di Cerignola) era stato arrestato nel giugno del 2016 in quanto già condannato a 17 anni di reclusione per una serie di assalti a furgoni e banche commessi tra le Marche e l’Emilia-Romagna.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!