AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Organizza una riffa abusiva nel suo bar di Ancona, multato per migliaia di euro

Pasqua amara per un esercente del capoluogo sanzionato dalla Guardia di Finanza

3.147 Letture
commenti
Uovo di Pasqua

Pasqua amara per un barista di Ancona, sanzionato dalla Guardia di Finanza per una riffa abusiva da lui stesso organizzata nella sua attività, situata nel capoluogo.


I Baschi Verdi di Ancona hanno rinvenuto un uovo di Pasqua di grandi dimensioni in bella mostra nel locale, su un cartellone suddiviso in 90 cartelle, al costo di 2 euro l’una: i finanzieri hanno subito fatto scattare la sanzione, che in questi casi va da 1.032 a 10.329 euro.

“Nel periodo di Quaresima, capita di notare all’interno di esercizi commerciali uova di cioccolata di formato gigante o altri premi legati all’estrazione di lotterie e riffe, gestite direttamente dagli esercenti – spiega il Comando provinciale della Guardia di Finanza – . I clienti sono così portati a tentare la fortuna acquistando i relativi biglietti/cartelle. Nella gran parte dei casi tutto ciò è però fuorilegge a seguito di una specifica normativa: dal 1997 infatti, sono state bandite per gli esercenti privati le varie tipologie di lotterie, tombole, riffe, pesche o banchi di beneficenza nonché ogni altra manifestazione avente caratteristiche analoghe, ad eccezione di quelle organizzate dalle “onlus”, associazioni morali o parrocchiali”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!