AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Assalto al portavalori sull’A14 con sparatoria e incendio: bottino, 5 milioni di euro

Banda riesce a fuggire dopo aver sparato contro un mezzo della Fitist e aver dato alle fiamme due automobili

7.782 Letture
commenti
assalto portavalori su A14

Spari in aria e chiodi sull’asfalto. Un incidente, un’autocisterna di traverso sull’autostrada A14 e due mezzi incendiati per l’assalto a un portavalori. Sono stati momenti di caos e vero terrore quelli vissuti tra i caselli di Ancona sud-Osimo e Loreto-Porto Recanati, nel pomeriggio di mercoledì 30 settembre.

Un furgone portavalori della Fitist Security è stato intorno alle 17:30 assaltato da una banda di malviventi: diverse le persone, a bordo di tre macchine di cui due poi incendiate, che hanno prima fermato un’autocisterna e l’hanno fatta mettere di traverso sull’autostrada, minacciando con le armi un camionista. Poi hanno inseguito e fermato il furgone tagliando le gomme con delle strisce chiodate lanciate sul manto stradale, hanno sparato in aria colpi di kalashnikov.

Mentre alcuni banditi tenevano sotto minaccia di far fuoco gli addetti alla sicurezza e al trasporto dei valori, altri – ma tutti con il volto coperto da passamontagna – hanno aperto il portellone e trafugato alcune borse contenenti i soldi.

Il bottino, stimato nell’immediato in cinque milioni di euro, è stato poi calcolato in 4 milioni e 700000.

Poi la fuga, sempre in direzione sud. Dopo circa un chilometro hanno abbandonato le auto e hanno dato loro fuoco per far sparire eventuali tracce e per coprirsi le spalle. A piedi hanno raggiunto i campi e, al di là di questi, vi era un’altra auto pronta per far perdere definitivamente le tracce della banda.

Solo dopo il colpo sono riusciti ad arrivare sul posto i soccorsi e le forze dell’ordine: 118, carabinieri, polizia stradale e squadra mobile. Si registra un ferito tra gli addetti alla sicurezza ma per fortuna, non sarebbe dovuto ai colpi di arma da fuoco sparati solo per intimorire e per fermare il furgone, non per uccidere.
Posti di blocco sono stati posizionati ovunque alla ricerca di tre persone, viste fuggire con borsoni carichi di soldi.

Lunghe code si sono formate di automobilisti che hanno assistito, loro malgrado, alla scena con tanto di colpi sparati in aria e mezzi incendiati.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!