AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Quanto vale il gioco nelle Marche: i numeri

"Anche una regione più piccola come le Marche riesce a contribuire sensibilmente alla raccolta generale"

1.395 Letture
commenti
Slot machine

Da quando esiste il gioco online, sempre più italiani hanno iniziato ad approcciarsi a quelle attrazioni che mettono in palio la possibilità di ottenere vincite cospicue. Le lotterie si giocano ormai anche a distanza, ma sono anche le attività del tavolo verde ad attecchire particolarmente.

Il senso dell’intrattenimento è cambiato, specialmente negli ultimi anni, in cui la spesa nazionale è cresciuta di oltre il 50% rispetto a prima. Numeri che fanno le fortune in primis dell’erario, verso il quale confluisce il 20% delle somme investite. Va da sé che i dati sono variabili e soggetti a cambiamenti talvolta anche imprevisti, ma se c’è un particolare che più facilmente rimane immutato è la proporzione della mole di gioco tra le singole regioni.

Lazio, Lombardia, Campania e Piemonte sono evidentemente le zone in cui gli italiani giocano e dunque spendono di più. Tuttavia, anche una regione più piccola come le Marche riesce a contribuire sensibilmente alla raccolta generale. Ad Ancona, ad esempio, vengono spesi ogni anno sui 500.000 euro, ma le vincite raramente superano i 400.000. Numeri solo leggermente più bassi a Macerata e dintorni. Anche nelle province di Urbino e Pesaro le rilevazioni parlano di una notevole attenzione nei confronti del gioco. Per trovare altri dati, bisogna spostarsi ad Ascoli Piceno, dove i giocatori risultano più moderati. Qui si spende meno di 300.000 euro all’anno.

Paragonate a quelli Roma e Milano sono cifre molto meno importanti, tuttavia a destare preoccupazione a livello nazionale è soprattutto Il costo sociale, pari a 5 miliardi. Se anche i piccoli comuni marchigiani riescono a registrare certe somme, il quadro generale della situazione del gioco in Italia appare piuttosto chiara. Di conseguenza, non sorprende che anche in campo mediatico il tema trovi terreno fertile e si inizi a fare paragoni con altri settori: la spesa nazionale per il gioco è di 110 miliardi e il fatto che quella sanitaria ammonti invece a 135 non può che far riflettere. Al giorno d’oggi si stima che la metà degli italiani abbia giocato almeno una volta nella vita.

Anche le Marche riescono a dotarsi delle strumentazioni necessarie per favorire l’attività ludica, per quanto gli esercenti sappiano bene che aprire una sala o un centro è diventato molto complicato tra licenze e permessi obbligatori. Secondo il Libro Blu, le Marche contano meno di 10.000 apparecchiature AWP tra i locali distribuiti nella regione, molto di meno rispetto a Lazio e Lombardia. Ultimamente, comunque, il trend è cambiato. Nel 2021 la spesa complessiva delle Marche per il gioco fisico è stata di 409,78 milioni di euro, le vincite sono state pari a 299,14 milioni e la spesa a 110,63 milioni: in tutti e tre i casi, i numeri sono risultati inferiori rispetto al biennio precedente.

In attesa del 2023, i marchigiani continueranno sicuramente a rimpolpare i dati manifestando nuovamente la loro dedizione al gioco. Sebbene in misura relativa, anche dalle parti di Ancona e dintorni le attrazioni online riscontrano un certo seguito. La minore presenza di sale di intrattenimento sul territorio non arresta infatti l’apertura di conti di gioco virtuale e di conseguenza c’è chi, semplicemente da casa, si diletta a partite nei tornei di poker o in giochi più specifici come la roulette o le slot, ad esempio la celebre Book of Ra o la slot “fiammante” Diamond. Se il gioco in rete continua a macinare è anche perché non è frenato dalle barriere logistiche delle attività in presenza. Per questo motivo l’assenza di grandi centri nelle Marche limita solo in parte l’aumento della spesa in tutta la regione.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!