AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Truffe agli anziani per oltre 200mila euro, due gli uomini arrestati dai Carabinieri

Almeno 40 gli episodi di cui si sarebbero resi protagonisti nelle province di Ancona, Macerata e Pesaro-Urbino

3.147 Letture
commenti
Truffa ad anziani

Due uomini di 38 e 45 anni sono finiti in manette per truffa aggravata continuata al termine delle indagini portate avanti sin dal novembre scorso dai Carabinieri di Osimo.

L’operazione condotta dai militari del comando locale, denominata “True Justice 5“, ha avuto inizio dopo la denuncia presentata da una 83enne del luogo, la quale aveva consegnato gioielli per un valore di circa 500 euro: i malviventi l’avevano infatti convinta che sarebbero serviti a saldare una sanzione amministrativa elevata nei confronti di suo nipote.

Secondo quanto accertato dalle forze dell’ordine, nell’arco di appena quattro mesi i soggetti in questione si sarebbero resi protagonisti di ben 40 truffe, 37 delle quali effettivamente messe a segno e 3 solamente tentate, solitamente ai danni di donne anziane e sole. Mentre alcuni loro complici contattavano telefonicamente le vittime impersonando appartenenti alle forze dell’ordine o dipendenti delle Poste, i due arrestati si recavano materialmente da loro: l’uno riscuoteva denaro e oggetti preziosi, mentre l’altro lo attendeva a bordo di un’automobile pronta alla fuga. Le vetture utilizzate dai truffatori, spesso di grossa cilindrata, venivano prese a noleggio e cambiate frequentemente.

Ben 17 delle 40 truffe totali sono state commesse in provincia di Ancona, tra il capoluogo dorico, Jesi, Fabriano, Falconara Marittima, Osimo, Montemarciano, Loreto, Filottrano e Cerreto d’Esi. Altri nove episodi si sono invece registrati nel Maceratese, nello specifico a Castelraimondo, Caldarola, Corridonia, Cingoli, Macerata, Matelica, Potenza Picena e Recanati. Messo a segno un raggiro anche a Urbino, mentre altri casi hanno invece riguardato sia l’Abruzzo che la Puglia.

Una volta ultimate le indagini, il 38enne e il 45enne sono stati rintracciati grazie alla collaborazione dei Carabinieri di Napoli, venendo quindi trasferiti nel carcere di Poggioreale. Si cerca ora di dare un nome agli altri appartenenti al sodalizio criminale, che avrebbe sottratto complessivamente una somma che si aggirerebbe sui 200.000 euro.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!