AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Operazione dei carabinieri, “malavita organizzata gestiva spaccio droga in Vallesina”

Arresti e perquisizioni all'alba del 20 ottobre: interessate Napoli, Catania, l'anconetano e il maceratese

3.475 Letture
commenti
auto dei Carabinieri, gazzella, 112

All’alba di venerdì 20 ottobre, i Carabinieri, con l’ausilio di unità cinofile, hanno dato esecuzione ad alcuni arresti nell’ambito di una vasta operazione antidroga, che ha interessato le province di Ancona, Macerata, Napoli e Catania.


Si tratta di un proseguimento dell’operazione Damasco: secondo la ricostruzione dei Carabinieri di Ancona, lo stupefacente veniva introdotto anche nelle Marche, in particolare nell’area della Vallesina.

Settimanalmente, da Napoli sarebbero arrivati imponenti quantitativi di droga (hashish e cocaina), poi smerciata principalmente da soggetti provenienti dal sud Italia ma da tempo trapiantati in regione.

I Carabinieri hanno notificato quattro misure cautelari in carcere e perquisito sette abitazioni; tra gli arrestati un napoletano residente ad Ostra. In tutto sono 15 gli indagati a vario titolo per spaccio di stupefacenti in concorso continuato.

L’attività illecita, spiegano i Carabinieri di Ancona, “era gestita da un gruppo campano costituito da soggetti anche dal notevole spessore criminale”.

Uno dei presunti fornitori della droga, sarebbe un napoletano arrestato ad Ancona nel 2016, vicino secondo i militari al clan camorristico campano Elia.

Ciò fa ritenere che fosse la malavita organizzata campana a gestire lo spaccio di droga nello jesino.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!