Errore durante il parse dei dati!
AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

UAAR Ancona presenta “194 passi verso l’autodeterminazione”

Lancio della campagna “Testa o croce? Non affidarti al caso”

Logo Uaar

Il Circolo Uaar di Ancona invita le cittadine e i cittadini della provincia all’incontro “194 passi verso l’autodeterminazione”, previsto per il prossimo sabato 12 gennaio alle ore 17.00 presso la sala dell’associazione culturale Isola a Chiaravalle (AN). Durante l’incontro affronteremo, come sempre con ragione e laicità, il tema dell’aborto e del diritto all’autodeterminazione.

Lo faremo in compagnia della Dr. Anna Pompili, ginecologa e docente presso l’Università La Sapienza di Roma, attraverso gli interventi della Segretaria Generale della CGIL Marche Daniela Barbaresi, e del Dr. Fabrizio Volpini, medico di base e Presidente della Commissione Sanità del Consiglio regionale delle Marche. Sarà l’occasione per affrontare tutti gli aspetti che riguardano questo tema a livello nazionale e territoriale, e sarà anche il momento migliore per lanciare la nuova campagna Uaar “Testa o croce? Non affidati al caso”.

Con un’immagine e lo slogan Testa o croce? Non affidarti al caso, partirà infatti il prossimo 7 gennaio una campagna Uaar che mira a sensibilizzare l’opinione pubblica circa la scelta dei propri medici. L’immagine di questa campagna verrà installata sul territorio provinciale in circa 50 pensiline per autobus nella città di Ancona e nei comuni limitrofi.

“Questa nuova campagna di sensibilizzazione – spiega il Coordinatore Uaar locale – nasce dal fatto che in materia di salute i cittadini danno purtroppo molte scelte come scontate. E se in alcuni casi ciò non comporta particolari conseguenze, lo stesso non si può dire per altri. Come per la scelta del proprio ginecologo o del proprio medico di base. Si sa infatti che gli ospedali, specie quelli marchigiani, sono purtroppo pieni di ginecologi obiettori, spesso assunti e promossi proprio per la loro adesione alla dottrina cattolica. Non sono rari i casi in cui ostacolano l’intenzione di interrompere una gravidanza o decidono di non sottoporre la gestante a una diagnosi che possa condurre alla decisione di una donna di non far nascere un bimbo già condannato per tutta la vita a una malattia invalidante. E’ in casi come questi che avere un ginecologo di fiducia del quale sono note le opinioni su tali questioni è fondamentale. Se andando dall’oculista non ci sono validi motivi per porsi dubbi rispetto alle sue credenze religiose, vi sono altre circostanze in cui è essenziale prestare massima attenzione ai suggerimenti che riceviamo, per esempio in materia di contraccezione, o sulle cure proposte che potrebbero rappresentare un accanimento terapeutico nei nostri confronti. Non mettiamo in nessun modo in discussione la competenza dei medici ma la nostra libertà è un bene prezioso, ed esercitarla sin dall’inizio e fino alla fine non affidandoci al caso è il modo migliore per ribadirne il valore”.

Info evento: ancona@uaar.it
Facebook: https://www.facebook.com/events/2762843710607315/

Paul Manoni
Coordinatore UAAR Ancona

Redazione Ancona Notizie
Pubblicato Lunedì 7 gennaio, 2019 
alle ore 17:15
Tags
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
Triste
Indifferente
Felice
Molto felice
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!