AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Basket: Pierantoni, capitano di Senigallia, da record

Nella prossima partita, il 10 marzo, raggiungerà le 500 presenze in biancorosso

2.803 Letture
commenti
Mirco Pierantoni

37 ANNI e non sentirli, ma soprattutto 500 partite e non sentirle. Non sarà una giornata come le altre la ventiquattresima di serie B in programma domenica 10 marzo dalle ore 18.

Dopo una settimana di sosta per le finali di Coppa Italia, che non hanno visto formazioni marchigiane cadette impegnate decretando il successo all’Omegna (rapida eliminazione delle due qualificate del girone C, San Severo e Pescara), la serie B torna sul parquet, con la Ristopro Fabriano che osserva il turno di riposo e Luciana Mosconi Ancona e Goldengas Senigallia in trasferta.

Per i cartai, lo stop è dettato dal ritiro del Lamezia Terme ad inizio stagione, che ha reso il girone dispari costringendo settimanalmente una formazione a fermarsi.

Giocano invece Senigallia e Ancona e per lo storico capitano senigalliese Mirco Pierantoni la trasferta di Corato sarà davvero molto particolare: per il giocatore fanese, ala pivot di 202 cm e 37 anni, quella pugliese sarà la 500° presenza in maglia biancorossa.

Colori che il lungo – cresciuto nelle giovanili della Vuelle Pesaro e da qui approdato a Senigallia nel lontanissimo 2001, davvero un’era geologica fa in un’epoca in cui le bandiere, se ci sono, vengono ammainate in fretta – ha ormai davvero cucito sulla propria pelle: dopo le giovanili a Pesaro, Pierantoni approdò ventenne all’allora Barzetti militante in serie C1, salendo in serie B2 sotto la guida di coach Badioli, attuale direttore sportivo.

A Senigallia fino al 2005, Pierantoni ha avuto le uniche due esperienze fuori a Castrocaro e San Marino tra il 2005 e il 2007, per poi tornare proprio nel 2007, diventare capitano e rimanere fino ad oggi: è stato dunque tra i grandi protagonisti dell’ascesa del basket senigalliese fino all’attuale serie B, battendo ogni record, ad iniziare dal numero delle partite giocate. La 500° del capitano non sarà però facile per la Goldengas, che rende visita ad un Corato pericoloso davanti al pubblico amico e a caccia di punti playoff.

Più agevole, almeno sulla carta, l’impegno della Luciana Mosconi Ancona, che dopo la svolta durante la sosta, con l’esonero di coach Marsigliani e la promozione dell’assistente Pozzetti (il cui nuovo assistente è il figlio d’arte Emanuele Pancotto), non può davvero fallire sul parquet del fanalino di coda Campli.

L’occasione è ghiotta per allontanare la zona playout e rilanciarsi in chiave playoff: gli abruzzesi, giovanissimi, hanno perso tutte le partite disputate e devono dunque ancora azzerrare la penalizzazione iniziale di quattro punti.

Martedì si è allenato con la squadra anche Gianmarco Tamberi, tornato per un pomeriggio al suo vecchio amore: chissà che il neocampione europeo non possa aver ispirato l’assist giusto per spingere i dorici a volare in alto.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!