AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Aumenti delle tariffe del trasporto pubblico, la replica dal Comune di Ancona

Dal 2010 non venivano aggiornate, risorse regionali non sufficienti: si punta tutto sugli abbonamenti

4.503 Letture
commenti
autobus, trasporto pubblico locale ad Ancona

Non una semplice revisione tariffaria – imposta per altro dal sistema deciso dalla Regione Marche – ma una vera e propria politica di stimolo al servizio di trasporto pubblico locale che tenda a incentivare l’uso dei mezzi pubblici, a fidelizzare gli utenti e a sostenere alcune categorie, quella compiuta dall’Amministrazione comunale di concerto con Conerobus.

La rimodulazione è stata fatta innanzitutto tenendo conto della necessità di garantire un introito adeguato per finanziare il trasporto pubblico, dal momento che i servizi minimi, finanziati con le risorse regionali, non sono sufficienti a rispondere alla domanda di Tpl della nostra città. Ma con essa si procede anche ad alcuni aumenti, ma l’intera operazione ha voluto tenere salde alcune priorità. La prima: incentivare gli abbonati e sostenere le categorie più fragili, come anziani e studenti, come utenti di lungo periodo.

Gli abbonamenti annuali rimangono invariati, soprattutto quelli per famiglie e per anziani (mentre viene ritoccato l’abbonamento mensile ordinario che passa da 33 a 35 euro) e – assoluta novità – viene inserito un abbonamento agevolato per studenti dedicato agli under-quattordici frequentanti le scuole secondarie di primo grado, con il preciso obiettivo di educare questo target all’utilizzo del mezzo pubblico.

La revisione tariffaria punta a “fidelizzare” l’utenza, quindi attuare azioni in grado di spingere i cittadini ad utilizzare il mezzo pubblico con più costanza, stimolando l’acquisto di abbonamenti a medio/lungo termine, i carnet di biglietti e, comunque, i titoli di viaggio anticipatamente (a terra) e non sul mezzo (il titolo venduto dal conducente passa infatti da € 1,50 ad € 3,00).

Una seconda priorità è quella di incrementare l’offerta di titoli di viaggio puntando ad ampliare il plafond di utenti, attraverso il mantenimento del nuovo biglietto giornaliero bus+ascensore (la cui tariffa si conferma a 2,70 euro), l’introduzione del già citato abbonamento agevolato under 14, l’inserimento del biglietto a corsa semplice a costi competitivi e per utenti occasionali, il miglioramento e la promozione dell’abbonamento “family” anche per soggetti giuridici (Enti pubblici e ditte private, studi professionali etc….);

Ma vediamoli da vicino, questi ritocchi alle tariffe.
autobus, trasporto pubblico locale ad AnconaAumenta il biglietto orario, che passa da 1,20 a 1,30, ma viene al contempo prevista una estensione temporale: questo biglietto avrà validità di 100 minuti e non più di 90. L’aumento di 10 centesimi andrà a co-finanziare servizi aggiuntivi.
A proposito di biglietto singolo, viene inserito – altra novità assoluta – un nuovo titolo di viaggio, denominato “biglietto a corsa semplice“, valido per un solo viaggio salita/discesa, del costo di € 1,15 che è il più basso sul mercato.

Per quanto riguarda gli aumenti, va detto che il Comune di Ancona non aggiorna le tariffe dal 2010, come invece hanno già fatto altri Comuni da più di un anno. Da sottolineare inoltre che, in base al contratto di servizio stipulato fra il Comune e la società ATMA, i servizi di trasporto aggiuntivi garantiti direttamente dalle casse del Comune possono essere co-finanziati con gli aumenti tariffari; di tale margine dall’agosto 2013 il Comune ne beneficia solo per una parte minima, proprio in virtù della revisione in aumento delle tariffe operata dalla Regione e del mancato adeguamento dei prezzi.
L’aggiornamento dei prezzi tiene conto, oltre che dei principi citati prima, della necessità – appunto – di aumentare la capacità di finanziamento dei servizi aggiuntivi erogati dal Comune, così da mantenere gli attuali livelli di servizio.

Infine, un’altra novità riguarda l’acquisto del biglietto elettronico. Parte la sperimentazione con Conerobus del sistema di pagamento dei titoli di viaggio elettronici (via PC/tablet o smartphone): sarà esteso il servizio di MyCicero già in funzione per il parcheggio anche ai biglietti del bus con lo stesso borsellino elettronico.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!