AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Truffa ai danni di Stato e Regione, denunciati due imprenditori anconetani

Stessa sorte per i loro otto dipendenti, i quali hanno usufruito senza il benché minimo bisogno della cassa integrazione

2.004 Letture
commenti
Guardia di Finanza, 117, fiamme gialle

Al termine di una lunga ed elaborata operazione, la Guardia di Finanza di Ancona ha denunciato due imprenditori anconetani, operanti nel settore dell’edilizia, e i loro otto dipendenti: sia gli uni che gli altri sono accusati di falso e truffa aggravata ai danni dello Stato e della Regione Marche.

Secondo quanto emerso dagli accertamenti compiuti dai finanzieri, già da diversi anni i due datori di lavoro avevano dichiarato una condizione di crisi aziendale, in base alla quale sarebbero stati impossibilitati a far lavorare i loro dipendenti: questi ultimi, pertanto, hanno usufruito della cassa integrazione per circa 10.000 ore lavorative, che equivalgono a 60.000 euro tra ammortizzatori sociali e corsi di formazione pagati dalla Regione Marche.

Tuttavia, i lavoratori hanno continuato a praticare la loro attività in nero, contribuendo al successo dell’azienda: tra il 2012 e il 2013, infatti, il volume d’affari dell’impresa era più che raddoppiato, nonostante le apparenti difficoltà.

Le indagini condotte dalla Guardia di Finanza hanno infine portato alla luce la situazione venutasi a creare, mettendo nei guai sia i due principali responsabili della truffa – la coppia di imprenditori – che i dipendenti della loro ditta (alcuni di nazionalità rumena, altri di origine extracomunitaria) , loro complici nel perpetrare i vari reati contestati.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!