AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Ancona, maxi-risarcimento per i figli di un operaio jesino morto a causa dell’amianto

L'uomo, ex-dipendente di Fincantieri, morì a 55 anni nell'aprile del 2006

2.044 Letture
commenti
Il porto di Ancona

I tre figli di un ex-operaio della Fincantieri, deceduto il 28 aprile 2006 a 55 anni per via di un mesotelioma dovuto all’esposizione prolungata all’amianto, dovranno essere risarciti con 1,1 milioni di euro: questa la decisione presa da Andrea De Sabbata, giudice del lavoro del Tribunale di Ancona.

È stata così accertata la responsabilità dell’azienda nella morte dell’uomo, specialmente per quanto riguarda il mancato rispetto degli standard di sicurezza sulla dispersione delle polveri letali: dal canto suo, Fincantieri si era sempre opposta alla richiesta di indennizzo, ritenendo che il 55enne – residente a Jesi –  fosse spirato a causa di un sarcoma non direttamente imputabile al contatto con l’amianto.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!