AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Souvenir cancerogeni venduti in un negozio di Jesi, denunciato il titolare

Nel mirino delle forze dell'ordine due minerali tossici, fatti invece passare come rocce innocue

1.816 Letture
commenti
Minerale sequestrato

Importante sequestro messo a segno dalla Polizia Ambientale e Forestale di Ancona in collaborazione con i Carabinieri Forestali del distaccamento di Jesi – San Marcello: sono infatti stati ritirati dal commercio due campioni di minerali potenzialmente cancerogeni.

Uno di questi reperti da collezione, recante una dicitura che lo identificava come “calcite rossa“, è stato trovato esposto presso un negozio di Jesi. Si trattava in realtà di cromo esavalente, un minerale assai tossico per l’uomo e responsabile in talune circostanze della formazione di tumori all’apparato respiratorio.

Successivamente a questo primo sequestro, le forze dell’ordine hanno scoperto che un’altra “pietra”, anch’essa etichettata come calcite rossa ma contenente invece dicromato di potassio, era stata venduta il 23 agosto scorso ad un’ignara acquirente: anche in questo caso il minerale è stato posto sotto sequestro.

La pericolosità di questi particolari souvenir è stata poi comprovata dagli esami condotti presso il laboratorio di Mineralogia dell’Università di Camerino. Il titolare del negozio dove sono state messe in vendita le due rocce è stato infine denunciato per il reato di frode nell’esercizio del commercio: rischia una condanna fino a due anni di reclusione.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!