AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Montemarciano: una 48enne in manette per furto in abitazione e furto di auto

A dare l'allarme è stata la vittima, un 75enne di Ancona

1.237 Letture
commenti
arresto dei Carabinieri, 112, manette

I Carabinieri della Stazione di Montemarciano hanno arrestato una 48enne del luogo, nota alle forze dell’ordine, per furto aggravato e continuato.

Verso le 20:30 del 4 marzo , sul “112”, è giunta la telefonata da parte di un 75enne di Ancona il quale denunciava che una donna gli aveva appena rubato l’auto. Precisava che la donna, da lui conosciuta, abitava a Montemarciano.

La pattuglia della Stazione di Montemarciano, ricevuta la comunicazione, si è messa subito alla ricerca dell’auto rubata, una Fiat Punto di colore grigio, che dopo qualche minuto è stata intercettata in località Cassiano dove la 48enne l’aveva appena parcheggiata sotto casa.

Le immediate indagini hanno consentito ai Carabinieri di Montemarciano di venire a capo della vicenda. La donna, circa un’ora prima, con la scusa di una visita, si era introdotta a casa del 75enne, un lontano parente abitante ad Ancona. Approfittando di un attimo di distrazione, ad insaputa del padrone di casa, si era impossessata delle chiavi della sua Fiat Punto. Poi, all’improvviso, lo aveva salutato ed era andata via.

La situazione era apparsa poco chiara ed aveva insospettivo il 75enne che mentre ripensava alla stranezza di quella visita inaspettata, aveva udito il rumore della serranda del suo garage che si apriva. Con lo sguardo aveva cercato le chiavi dell’auto sul tavolinetto senza trovarle, quindi si era affacciato alla finestra in tempo utile per vedere la Fiat Punto allontanarsi ed aveva dato l’allarme.

Ai Carabinieri del “112” il 75enne ha fornito anche l’identità dell’autrice del furto. La donna bloccata dai Carabinieri ha subito consegnato le chiavi dell’auto tirandole fuori dalla sua borsa. La stessa è stata dichiarata in stato di arresto per furto in abitazione e furto aggravato di autovettura. Dopo le formalità di rito è stata sottoposta agli arresti domiciliari.

Nella mattina del 5 marzo il Tribunale di Ancona ha convalidato l’arresto rinviando il processo in quanto l’imputata ha chiesto i termini a difesa. L’autovettura inoltre è stata restituita al proprietario.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!