AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Raid di furti nelle province di Ancona e Macerata, arrestati quattro uomini

Sgominata dai Carabinieri la cosiddetta "banda dell'Audi", rintracciata in Umbria dopo un lungo inseguimento

1.721 Letture
commenti
Automobili utilizzate da una banda di ladri

Nella serata di mercoledì 20 novembre i Carabinieri delle stazioni di Osimo e Filottrano hanno tratto in arresto quattro individui di nazionalità albanese, tutti appartenenti a una banda criminale che negli ultimi mesi aveva messo a segno svariati furti tra le province di Ancona e Macerata.

Ciò è stato possibile grazie alle segnalazioni inoltrate da alcune persone residenti a Fabriano, che nel pomeriggio di mercoledì hanno notato un’Alfa Giulietta aggirarsi con fare sospetto per le vie cittadine. L’automobile in questione, peraltro fornita di targhe rubate poche ore prima a Castelbellino, è stata perciò seguita dalle forze dell’ordine fino ad Assisi: qui i militari hanno arrestato tre individui al termine di una breve collutazione, mentre altri due componenti della banda sono invece riusciti a darsi alla fuga.

Le perquisizioni condotte a carico dei tre arrestati hanno condotto alla scoperta di monili e gioielli trafugati, documenti falsi, arnesi atti allo scasso (smerigliatrici, piedi di porco, cacciaviti..) e persino un pistola Beretta calibro 7.65, arma rubata il 6 luglio scorso in occasione di un colpo effettuato in un’abitazione di Ancona.

Un quarto malvivente è stato successivamente rintracciato e tratto in arresto presso un bed&breakfast ubicato a Trevi, ugualmente in provincia di Perugia; costui è stato trovato in possesso di 165 grammi di marijuana, di un dispositivo utilizzato per intercettare le comunicazioni radio, di quasi 5.000 euro in contanti e di oggetti preziosi in oro per un peso totale di circa un chilogrammo.

In una carrozzeria di Spoleto, infine, i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato un’Audi A4, intestata a un prestanome di Roma, mediante la quale i ladri avevano seminato il panico in lungo e in largo in diverse località marchigiane.

I quattro individui, di età compresa tra i 27 e i 39 anni, sono quindi stati tratti in arresto per poi essere condotti nei  carceri di Perugia e Spoleto: il più anziano tra loro, peraltro, era ricercato dal marzo del 2018 in quanto responsabile del reato di evasione. Impressionante la mole delle accuse rivolte loro: furto aggravato in abitazione in concorso, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, porto abusivo di armi da fuoco, possesso ingiustificato di arnesi da scasso, ricettazione di targhe rubate, di armi e di oggetti preziosi, utilizzo di documenti falsi e detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!