AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Montemarciano, rapina la madre di 30mila euro e si barrica in casa

Arrestato dai Carabinieri di Senigallia; l’uomo, armato di un martello, ha cercato di sottrarsi alla presa dei militari

1.290 Letture
commenti
Carabinieri

Nella notte a cavallo tra il 16 e 17 dicembre i Carabinieri della Compagnia di Senigallia hanno arrestato un 46enne di Montemarciano per rapina e resistenza a pubblico ufficiale.


L’uomo nella serata del 17 dicembre  ha aggredito fisicamente la madre e le ha sottratto 30.000 euro che la donna custodiva nella sua camera da letto. Lei ha chiesto immediatamente l’intervento dei Carabinieri e una gazzella del Radiomobile è subito giunta sul posto.

Sul posto, fin dalla prima richiesta di aiuto della donna, è intervenuta anche una volante del Commissariato di Senigallia.

L’uomo era molto agitato e alla vista dei militari ha pronunciato offese e insulti nei loro confronti, minacciando di uccidere chiunque si avvicinasse a lui, mostrando anche una pistola.

Dopo aver compiuto questi gesti si è barricato in casa e non ha risposto alle numerose chiamate dei militari fino alle 02:00 di notte, quando si è affacciato alla finestra e ha espresso nuove minacce e insulti.

A quel punto i Carabinieri del Comando Provinciale di Ancona hanno fatto irruzione nell’abitazione. L’uomo si era armato di un martello da carpentiere col quale ha cercato di difendersi e sottrarsi alla presa dei militari, che sono comunque riusciti a disarmarlo e bloccarlo.

Durante l’operazione sul posto erano presenti anche equipaggi della Polizia, che hanno collaborato nel garantire la sicurezza dell’azione.

L’uomo è stato quindi condotto all’ospedale di Ancona dove è stato sottoposto a TSO e ricoverato nel reparto di Psichiatria, in quanto sono stati riscontrati gravi disturbi psichici. All’interno dell’abitazione i militari hanno rinvenuto ben 31.500 euro in contanti, nascosti nell’armadio della camera da letto dall’uomo, 2 pistole a salve prive di tappo rosso, 31 cartucce a salve, un coltello da pesca modificato a pugnale di lunghezza pari a cm 28, due martelli da carpentiere e un’ascia, tutto sottoposto a sequestro. L’uomo è stato tratto in arresto per rapina e resistenza a pubblico ufficiale, ed il magistrato ha disposto l’immediata liberazione per motivi sanitari.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!