AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Si chiudono le indagini relative ai casi di corruzione all’interno del Comune di Ancona

L'operazione, chiamata "Ghost Jobs", era scattata nello scorso mese di novembre

Polizia

Si sono concluse le indagini relative all’operazione “Ghost Jobs”, che nel novembre dello scorso anno aveva portato all’iscrizione di oltre 30 persone al registro degli indagati per una vicenda di corruzione strettamente legata al Comune di Ancona.

Il geometra comunale  – Simone Bonci – e i quattro imprenditori – Marco Duca, Tarciso Molini, Carlo Palumbi e Francesco Tittarelli – posti precedentemente agli arresti domiciliari hanno pertanto ricevuto la notifica degli atti. Attenuate le misure restrittive nei confronti del dipendente pubblico, come già successo con gli altri soggetti in questione: l’uomo dovrà ora sottostare all’obbligo di dimora nel capoluogo dorico.

Secondo quanto ricostruito nel corso delle indagini, i protagonisti della vicenda avrebbero dato vita a un sistema di appalti truccati, nel quale diversi lavori pubblici erano stati ripetutamente assegnati a certe aziende in particolare in cambio di ingenti somme di denaro o regali vari.

 

Athos Guerro
Pubblicato Venerdì 20 marzo, 2020 
alle ore 16:23
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
Triste
Indifferente
Felice
Molto felice
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!