AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Processo “decoder falsi”: condanne e assoluzioni da parte del Tribunale di Ancona

Erano finiti a giudizio non solo chi aveva diffuso tali dispositivi, ma anche i distributori commerciali e gli utilizzatori

744 Letture
commenti
tribunale, processo, udienza

Nel gennaio 2020, la Guardia di Finanza ha scoperto la vendita di abbonamenti per la visione illegale di contenuti in streaming e on demand, violando i diritti di riproduzione di grandi network come Sky, Mediaset, DAZN e Netflix. Gli abbonamenti venivano decodificati tramite apparecchi fraudolenti.

Il caso ha portato a processo non solo chi aveva diffuso tali dispositivi, ma anche i distributori commerciali e gli utilizzatori. Gli imputati hanno scelto diverse strategie difensive: alcuni hanno patteggiato, ricevendo sei mesi di reclusione. Sette imputati, tutti senegalesi, hanno optato per il giudizio abbreviato.

Il Tribunale penale monocratico di Ancona ha assolto cinque degli imputati, difesi dagli avvocati Corrado Canafoglia, Marco Pacchiarotti ed Elena Bordi, per la tenuità del fatto. La difesa ha sostenuto che i loro assistiti avevano risarcito il sistema televisivo con un indennizzo.

Tuttavia, lo stesso tribunale ha condannato a quattro mesi e a 2000 euro di ammenda coloro che avevano richiesto il giudizio abbreviato senza aver versato l’indennizzo, requisito necessario per ottenere l’assoluzione per tenuità del fatto.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!