AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Fugge coi figli negli Usa e fa arrestare il marito: odissea per uno jesino

L'uomo, assolto poi da tutte le accuse, si costituisce parte civile nel processo contro la moglie

2.130 Letture
commenti
tribunale, processo, udienza

La moglie che porta via i bambini negli Stati Uniti e l’accusa di violenze domestiche. Poi l’arresto a New York e l’assoluzione. Infine il processo a carico della moglie, accusata di sottrazione di minori. E’ questa l’odissea che ha vissuto e sta tuttora vivendo un uomo di origini albanesi, residente nello jesino, al centro di una drammatica vicenda in cui sono coinvolti anche i figli minorenni.

La vicenda ha inizio nel 2007 ed è stata ripercorsa dall’uomo, 44enne con cittadinanza italiana, davanti al giudice del tribunale di Ancona. Lui accusa sua moglie di aver portato all’estero i tre figli dai genitori che vivono in Connecticut, di averlo denunciato solo ai fini strumentali per ottenere un permesso di soggiorno negli Usa che però ha portato all’arresto dell’uomo. Al procedimento però al tribunale dei minori verrà assolto dall’accusa di violenza domestica.

Dopo quattro anni di distanza dall’ultima volta che ha visto i suoi figli, l’uomo è ora parte civile, assieme alla figlia più grande, nel processo a carico della moglie, coetanea e connazionale, che proseguirà il prossimo 20 gennaio.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!