AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Montecarotto: preso il pirata della strada che ha investito il pensionato disabile

Concluse le indagini della Polstrada: conducente denunciato per omicidio colposo, fuga e omissione di soccorso

5.386 Letture
commenti
La Polizia Stradale sul lugo dell'incidente a Montecarotto

Svolta nelle indagini riguardanti il drammatico incidente avvenuto nel pomeriggio di sabato 24 gennaio a Montecarotto, costato la vita ad un pedone disabile cinquantenne, Vittorio Landi. La polizia ha individuato e denunciato il pirata della strada che ha falciato l’uomo senza fermarsi poi a prestare soccorso.

La vittima era un pensionato invalido. La tragedia si è consumata in località Sant’Angelo, poco distante dalla casa dell’uomo che si è spento al Carlo Urbani di Jesi.

Responsabile dell’investimento del pedone è un 80enne di Ancona, G.C. le sue iniziali, denunciato a piede libero per omicidio colposo, fuga ed omissione di soccorso.

Le complesse indagini, svolte dagli uomini della squadra di polizia giudiziaria del Compartimento Polizia Stradale per le Marche e del Distaccamento Polstrada di Jesi e coordinate dal Sostituto Procuratore Valeria Sottosanti, sono state il risultato dei rilievi effettuati sul luogo del sinistro, delle informazioni assunte da fonti confidenziali e dell’analisi del traffico sviluppato dalla locale cella telefonica.
I tabulati hanno, infatti, permesso di risalire a colui che nella mattinata di sabato 24 gennaio ha chiesto l’intervento del 118, fornendo una puntuale descrizione dei fatti e dei particolari utili ad identificare l’autore.

Particolare determinante è stato un giubbino rosso in uso ai cacciatori di cinghiale, indossato dall’autore al momento dell’incidente. La successiva attività informativa si è svolta nell’ambiente dei circoli per conoscere i nomi dei soggetti coinvolti nella battuta giornaliera. L'automobile sequestrata dalla Polizia Stradale dopo l'incidente a MontecarottoL’elenco è stato incrociato con le risultanze degli accertamenti su un fanale anteriore ritrovato sulla scena del sinistro, ricondotto, grazie alla perizia degli uomini della Polstrada, ad un modello di Renault Kangoo di colore grigio (vd. foto).

Gli elementi raccolti hanno permesso, così, di identificare in maniera univoca il responsabile, raggiunto dagli inquirenti presso la propria abitazione, ove era parcheggiata anche l’autovettura, coincidente con il modello indicato e riportante danni compatibili con i resti rinvenuti.
L’anziano è stato denunciato a piede libero per omicidio colposo, fuga ed omissione di soccorso. Si è proceduto al sequestro probatorio dell’autovettura e contestualmente gli sono stati ritirati la patente di guida ai fini della sospensione ex 189, 6 comma, cds ed, in via cautelare, le armi da caccia in suo possesso per la revoca di cui all’art. 39 T.U.L.P.S..

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!