AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Incidente in A14, i sindacati chiedono sicurezza e verifiche puntuali

Dopo la morte dell'operaio alla galleria Montedomini, chiesto un incontro anche per chiarire la dinamica

2.228 Letture
commenti
Ambulanza, soccorsi, 118

Feneal –UIL Filca – CISL Fillea – CGIL di Ancona esprimono profondo cordoglio e vicinanza alla famiglia del giovane lavoratore che ha perso la vita, nel pomeriggio di mercoledì 9 settembre, mentre lavorava in una delle gallerie della terza corsia del tratto marchigiano, chiuso al traffico, dell’A14, la Galleria Montedomini, a Camerata Picena (AN).

Inutili i soccorsi dell’ eliambulanza e dei vigili del fuoco, accorsi sul posto insieme alla polizia stradale. L’uomo stava posizionando una pompa spara cemento su un carrello di trasporto, quando il mezzo lo ha investito e ucciso. Accettata dall’azienda esecutrice dei lavori la richiesta dei sindacati di sospendere l’attività lavorativa sull’intero lotto. Il cantiere è stato immediatamente chiuso e sospesi tutti i turni di lavoro. 

«Non ci si potrà mai abituare né accettare di dover accostare il senso del lavoro al dolore della morte. – scrivono i sindacati di categoria in una nota – Ancora più doloroso quando avviene all’interno di un grande cantiere dove da anni lavoratori, provenienti da diverse regioni, lavorano fianco a fianco.  Ma non solo: dormono, mangiano, passano le loro ore e i loro giorni di riposo, poiché rientrando ogni quindici giorni o mensilmente presso le loro residenze si costruisce inevitabilmente una piccola realtà comunitaria che non può lasciare indifferenti ad un fatto così grave.»

Feneal –UIL Filca – CISL Fillea – CGIL di Ancona hanno inoltre richiesto un incontro per comprendere e far luce sulle dinamiche dell’incidente, individuare le eventuali omissioni.

«Se accadono ancora  infortuni così gravi significa che dobbiamo alzare l’attenzione sulle condizioni di lavoro.- afferma Massimo Giacchetti, segretario generale Filca Cisl Marche – Un infortunio evidenzia sempre che ci sono problemi sul sistema di gestione della sicurezza nei luoghi di lavoro che vanno  al più presto verificati  e risolti»

Sarà esame di attenta analisi, durante l’incontro richiesto alla Ghella Spa, la verifica di tutta la normativa sulla sicurezza e sulla prevenzione; nonché del sistema dei soccorsi che si attiva in collaborazione con le istituzioni in questi momenti.

Feneal UIL ,Filca CISL  e Fillea CGIL nel ribadire che «non è possibile accettare che in una grande opera o in un cantiere si continui a perdere la vita, specialmente nelle Marche che, negli ultimi anni e nei prossimi, sono investite da un importantissimo impegno infrastrutturale», sollecitano  tutti gli organi competenti, le istituzioni e la magistratura, affinché in tempi brevi, si possa fare chiarezza su quanto avvenuto».

 

Per saperne di più

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!