AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Montemarciano: doppio arresto nella notte per furti e tentati furti

In manette un 33enne ed un 20enne beccati in flagranza di reato

3.762 Letture
commenti
Attrezzi da scasso

Doppio arresto in flagranza di reato da parte dei Carabinieri della Compagnia di Senigallia nella notte a cavallo tra l’11 ed il 12 settembre. A finire in manette con l’accusa di concorso in furto aggravato e tentato furto aggravato un 33enne residente a Lucera (FG) e un ventenne residente a Santa Maria Capua Vetere (CE).

E’ accaduto intorno alle 04:30; a dare l’allarme un cittadino che ha segnalato due individui che stavano tentando di scassinare la saracinesca di un negozio di parrucchiere in Via Roma a Montemarciano.

Sul posto è intervenuta una pattuglia della locale Stazione Carabinieri:  le forze dell’ordine sono riuscite a bloccare due giovani che, alla loro vista, hanno tentato di salire a bordo di uno scooter per darsi alla fuga.

Uno dei due ha lasciato cadere a terra dietro un’auto in sosta una grossa pinza a tenaglia, mentre l’altro, dopo essere stato bloccato, ha cercato di occultare sotto la manica destra della maglia un grosso cacciavite. Sul posto è stato chiesto a rinforzo anche una pattuglia del Nucleo Radiomobile di Senigallia.

I Carabinieri, dopo aver eseguito nei luogi dove si è cosumato l’arresto le opportune verifiche, hanno constatato che i due fermati avevano poco prima forzato la porta a vetri di ingresso del negozio di parrucchiere. I segni lasciati dalle effrazioni erano compatibili con l’uso del cacciavite. La porta comunque non era stata aperta a causa dell’arrivo dei Carabinieri che avevano costretto i due malintenzionati a darsi alla fuga.

Poco più avanti i militari hanno riscontrato segni di effrazione anche alla porta a vetri di ingresso di una nota pizzeria tavola calda. Sotto il gazebo collocato davanti all’ingresso gli operanti hanno infatti rinvenuto il lucchetto tagliato. In questo caso era stato prelevato il fondo cassa.

Le indagini sono proseguite anche interessando i Comandi Stazione delle località vicine. E’ stato scoperto che a Marzocca di Senigallia erano stati “visitati” ben quattro esercizi, due bar, una pizzeria ed un panificio. Solo in un bar, quello sito in via XXIV Maggio i ladri erano riusciti ad entrare.

Il bar comunque era dotato di telecamere. La visione delle registrazionei ha consentito di identificare gli autori del furto proprio nei due arrestati a Montemarciano. Anche in questo caso il bottino comunque è stato magro. Solo il fondo cassa di pochi spiccioli. Il 20enne era già noto agli inquirenti.

Domenica 6 settembre era stato fermato da una pattuglia della Stazione di Montemarciano in via Po, zona adiacente alla movida della località Marina, dove solitamente vengono parcheggiate le autovetture da coloro che si recano a ballare negli stabilimenti che fanno musica sul lungomare ed era stato trovato in possesso di un coltello a serramanico con lama, ben affilata, lunga circa 15 cm. Per il giovane era scattata la denuncia per porto illegale di coltello.

Questa volta è andata peggio, infatti per lui ed il complice 33enne sono scattate le manette.
La refurtiva ed il materiale rinvenuto sono stati sottoposti a sequestro.

I due arrestati hanno trascorso il resto della notte nelle camere di sicurezza della Caserma di Senigallia. Nella mattinata del 12 settembre sono stati presentati innanzi al Tribunale di Ancona per l’udienza di convalida ed il rito per direttissima. Il Tribunale ha convalidato gli arresti applicando nei confronti di entrambi la misura cautelare degli arresti domiciliari.

Le indagini proseguono per verificare se i due arrestati sono gli stessi autori di altri furti in danno di bar e chioschi sul lungomare tra Marzocca e Marina di Montemarciano denunciati nei giorni scorsi.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!