AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Al via ad Ancona il coderdojo, laboratorio teso ad insegnare la programmazione web

Il progetto, rivolto a giovanissimi tra i 6 e i 14 anni, partirà sabato 3 ottobre presso la Mole Vanvitelliana

2.684 Letture
commenti
Mole Vanvitelliana di Ancona

Sabato 3 Ottobre alle ore 15 si svolgerà presso l’aula didattica della Mole Vanvitelliana di Ancona l’inaugurazione della sede Anconetana del movimento internazionale Coderdojo alla presenza dell’Assessore alla Cultura del Comune di Ancona, Paolo Marasca, Dirigenti scolastici che hanno aderito all’iniziativa e rappresentanti di CodeDojo Italia.

Dopo il saluto istituzionale, i piccoli coder, seduti davanti al computer, saranno pronti a seguire le indicazioni dei mentor Riccardo e Gianluca che li guideranno a programmare un videogioco tramite Scratch, il linguaggio di programmazione visuale inventato dal MIT Media Lab di Boston, fondato da Nicholas Negroponte.

I CoderDojo (coder = programmatore, dojo = palestra) sono club gratuiti orientati all’insegnamento della programmazione informatica ai più piccoli.

Ogni dojo svolge le proprie attività, rispettando le indicazioni della Fondazione Internazionale no-profit CoderDojo (www.coderdojo.com). La formazione dei ragazzi si basa sul Creative Learning, metodo educativo ideato dal MIT e basato sulle 4P (Project, Peers, Play, Passion) ovvero apprendere con passione, giocando con gli altri e senza paura di sbagliare.

Molte scuole pubbliche hanno aderito all’iniziativa, introducendo nella propria offerta formativa lezioni di coding, stimolate anche dall’impulso del progetto del MIUR www.programmailfuturo.it #labuonascuola. In Italia sono attivi oltre 100 dojo, diffusi su tutto il territorio nazionale ed ogni giorno nuovi gruppi di volontari (mentor) si approcciano al movimento per aprire una nuova sede. I mentor sostengono il bambino incoraggiandolo a coltivare le sue abilità tecniche e relazionali, introducendoli nel mondo del coding attraverso il gioco in un ambiente dove non sono giudicati e hanno diritto all’errore. Migliaia di bambini hanno già partecipato agli incontri italiani, imparando ad utilizzare linguaggi di programmazione per creare pagine web o videogiochi con Scratch oltre a programmare piccoli robot.

Il format dell’evento sarà quello tipico di tutti i dojo, un incontro di circa tre ore durante il week end, in strutture che vengono messe a disposizione gratuitamente da istituzioni come biblioteche, scuole, università, musei ma anche da spazi di co-working, incubatori d’impresa, fablab o makerspace. I 40 ragazzi dai 6 ai 14 anni che parteciperanno ad ogni evento, dovranno portare con sé un computer portatile, la merenda e un genitore che dovrà essere presente per tutta la durata dell’incontro.

La partecipazione è gratuita ed aperta a tutti.

“La presenza ad Ancona di un Coderdojo che, dopo la presentazione che si terrà alla Mole, sarà attivo in diverse sedi cittadine a partire dall’Informagiovani – commenta l’assessore Marasca – testimonia il dinamismo che la città sta via via rivelando: laboratori, workshop, seminari, Coderdojo, contaminazioni, esperimenti, sono la polpa del frutto culturale e la garanzia di un movimento inarrestabile di crescita creativa. Questa Amministrazione sostiene e stimola appunto l’operosità culturale, il lavorare assieme ai temi della cultura, le residenze culturali e l’incontro con gli altri. La città contemporanea è fatta di questo, e Ancona lo sta dimostrando ogni giorno di più”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!