AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Delitto di Ancona, ritrovato in un parco il cellulare di Antonio Tagliata

Lo smartphone del giovane sarà ora analizzato dallo stesso tecnico informatico che si è occupato del caso di Yara Gambirasio

2.642 Letture
commenti
Antonio Tagliata

Dopo lunghi giorni di ricerche, ad Ancona è stato finalmente rinvenuto il cellulare appartenete ad Antonio Tagliata, il giovanissimo killer che il 7 novembre scorso ha ucciso Roberta Pierini con tre colpi di pistola.

Lo smartphone, senza scheda SIM ma provvisto altresì della batteria, è stato trovato nella mattinata di venerdì 20 novembre in un parco pubblico del capoluogo dorico situato tra via Tiziano e via Buonarroti, a pochi passi dall’abitazione dove si è consumata la tragedia: il merito della scoperta si deve ad alcuni operai comunali, i quali hanno avvertito immediatamente le forze dell’ordine.

Nonostante l’assenza della SIM, trapela una certa fiducia riguardo l’effettiva possibilità di risalire a quanto contenuto nel telefono cellulare, specialmente per quanto concerne i messaggi e le conversazioni Whatsapp scritti dal giovane nei momenti successivi alla sparatoria avvenuta in via Crivelli.

L’analisi del dispositivo mobile sarà affidata a Giuseppe Dezzani, consulente informatico forense che ha già partecipato ad un’indagine molto sentita dall’opinione pubblica nazionale come quella riguardante la morte di Yara Gambirasio: gli eventuali dati che saranno estrapolati dallo smatphone si andranno quindi ad aggiungere a quanto emerso dai tabulati telefonici di Tagliata, dai quali è emerso un cospicuo numero di chiamate nei minuti immediatamente seguenti all’omicidio della Pierini e al ferimento di Fabio Giacconi, che versa tuttora in coma irreversibile.

Caricamento mappa in corso...
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!