AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Prelevava via computer migliaia di euro dagli sportelli ATM, smascherato tecnico

I fatti contestati si sarebbero verificati tra il 2012 e il 2014 in diversi istituti bancari locali

1.187 Letture
commenti
Computer, PC, informatica

Al termine di indagini durate almeno 3 anni, il Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, Ruggero Dicuonzo, ha portato alla luce una torbida vicenda relativa a degli ammanchi di denaro che hanno interessato alcuni istituti bancari locali tra il 2012 e il 2014: l’operazione è stata denominata “Remote ATM“.

Di fondamentale importanza l’operato della Polizia Postale, che è riuscita a risalire all’identità del malfattore pur a distanza di anni dai reati commessi: si tratta di un tecnico a cui era stata affidata la gestione dei servizi informatici di diversi sportelli ATM, i quali venivano manipolati attraverso una complessa procedura.

L’uomo, forte del suo libero accesso presso le banche in questione, era infatti riuscito a penetrare nei sistemi degli sportelli automatici e a non lasciare alcuna traccia del proprio passaggio: utilizzando un apposito software, egli era in grado di controllare a distanza il funzionamento degli ATM, erogando in tal modo consistenti somme di denaro (quantificabili complessivamente in diverse migliaia di euro) a suo piacimento.

Tale opera, inoltre, era facilitata dal fatto che nei locali interni che davano accesso ai bancomat non vi erano telecamere di sicurezza, a differenza di quelle presenti esternamente. A lungo andare, però, questi ripetuti prelievi sono balzati all’attenzione dei funzionari degli istituti di credito, i quali hanno dunque avvertito le autorità competenti in materia.

Gli agenti della Polizia Postale, dopo lunghi accertamenti, hanno stretto la morsa intorno al tecnico in questione, i cui spostamenti sono stati monitorati tramite l’analisi delle celle telefoniche situate nelle vicinanze degli ATM colpiti. Il computer dell’uomo, infine, è stato passato al setaccio, lasciando trapelare diverse prove a carico del suo comportamento illecito: convocato per un interrogatorio presso il Tribunale di Ancona, egli ha confessato le proprie responsabilità, asserendo di aver sottratto il denaro per poter ripagare alcuni debiti di gioco.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!