AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Associazione a delinquere e riciclaggio, maxi-operazione della Guardia di Finanza

L'organizzazione, guidata da un 46enne di Montegranaro, avrebbe avuto un giro d'affari superiore ai 130 milioni di euro

1.335 Letture
commenti
Guardia di Finanza

A partire dalle prime ore di lunedì 27 luglio la Guardia di Finanza di Ancona, in collaborazione con i propri colleghi di Civitanova Marche, Fermo e Roma, ha applicato una lunga serie di misure cautelari a carico di 132 persone. 

Costoro, tra cui figurerebbero imprenditori, personaggi legati alla malavita organizzata, un commercialista già radiato dall’albo e un finanziere in servizio in passato nel Fermano, avrebbero dato vita a un mega-raggiro dal valore complessivo di circa 130 milioni di euro, attraverso il quale avrebbero incassato ingenti somme di denaro approfittando dell’emergenza economica dovuta alla pandemia di Coronavirus.

A capo dell’organizzazione, cui farebbero parte oltre 90 aziende operanti in diverse regioni italiane, vi era un 46enne di Montegranaro, M.C. le sue iniziali, che assieme ai suoi complici aveva messo in piedi un sistema collaudato basato sull’emissione di fatture false.

In totale, le Fiamme Gialle hanno provveduto a notificare 12 ordinanze di custodia cautelare, 9 delle quali in carcere e 3 agli arresti domiciliari: le accuse mosse agli appartenenti all’organizzazione sono associazione a delinquere, bancarotta fraudolenta, riciclaggio, auto-riciclaggio e altri reati di natura fiscale.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!