AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Falconara, niente Imu per chi pianta alberi nelle aree edificabili

Il vice sindaco Mondaini: "Rinunciamo ad alcune risorse per stimolare il risparmio di suolo e la destinazione a verde"

Alberi a Falconara

Imu azzerata per chi pianta alberi nelle aree edificabili. E’ quanto prevede una delibera di Consiglio comunale approvata dalle liste di maggioranza nella seduta di ieri, giovedì 28 aprile. I proprietari di terreni edificabili che scelgono di realizzare nuove piantumazioni al posto degli edifici potranno ottenere l’esenzione dalla tassa sugli immobili, a patto che l’area piantumata sia realizzata nel rispetto dei criteri previsti dal Regolamento regionale del verde urbano. Vanno inoltre preferite essenze particolarmente amiche dell’ambiente, ossia capaci immagazzinare CO2 e abbattere Pm10, NO2 e NO3.

«La scelta di azzerare l’imposta sugli immobili per i proprietari che scelgono il verde al posto delle nuove costruzioni – dice il sindaco Stefania Signorini – è una delle azioni intraprese per raggiungere uno dei principali obiettivi delle linee di mandato, quello della ‘Cura dell’ambiente e del territorio’. In questa direzione vanno anche la piantumazione dei nuovi boschi urbani anti-smog di via Castellaraccia e di via Marconi, la realizzazione del bosco urbano di Castelferretti, l’attuazione del progetto ‘Un albero per ogni nato’, la sostituzione degli alberi abbattuti nel corso degli anni in centro città, la piantumazione di nuove essenze al parco Robinson, al parco Kennedy e al Balcone del Golfo».

«Con questo provvedimento rinunciamo ad alcune risorse per stimolare il risparmio di suolo e la destinazione a verde – aggiunge il vicesindaco Raimondo Mondaini, con delega al Bilancio –. Nello stesso tempo può essere un’occasione da sfruttare per chi possiede terreni che scontano difficoltà nell’essere destinati concretamente a scopi edificatori».

Per ottenere l’esenzione i proprietari di terreni dovranno presentare un ‘progetto di compensazione ambientale’, che contenga la relazione botanico-vegetazionale sulla qualità delle essenze scelte, elaborati planimetrici, una dichiarazione di un tecnico che attesti la compatibilità del progetto con i vincoli dell’area edificabile, oltre all’impegno del proprietario a mantenere il verde in buono stato.

Chi ha già scelto di piantare alberi in aree edificabili dovrà presentare la documentazione riferita allo stato di fatto del terreno.

Qualora il proprietario decida in futuro di costruire nell’area si procederà al recupero di alcune annualità di imposta.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!