AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

I mercati obbligazionari europei si spaccano lentamente con l’avvicinarsi della fine degli stimoli. Lo spread obbligazionario Italia-Germania supera i 200 punti base. Il debito Marchigiano rischia nel 2023

Regione, con rating simile a Italia, non può che essere preoccupata

1.419 Letture
commenti
Banconote, Euro, denaro

La BCE ha segnalato un rialzo dei tassi e la fine degli acquisti di obbligazioni: la colla che teneva insieme i mercati obbligazionari europei si sta lentamente sciogliendo.

Con l’inflazione, la recessione e i rialzi dei tassi d’interesse sul tavolo, le crepe tra le fratture delle economie europee stanno diventando evidenti e gli operatori obbligazionari ne stanno prendendo atto. Lo spread tra il debito di riferimento italiano e quello tedesco si è allargato nelle ultime 12 sedute, la striscia più lunga nei dati che risalgono al 1993.

Il premio richiesto dagli investitori per detenere il debito italiano, più rischioso, rispetto alle sicure obbligazioni tedesche è salito a oltre due punti percentuali venerdì scorso, per la prima volta dal maggio 2020. Fino a settembre era inferiore a un punto percentuale.

Ad alimentare il repricing è la BCE, che ha segnalato la probabile fine degli acquisti di asset a luglio. Ciò ha spinto gli operatori a scommettere su una rapida serie di rialzi dei tassi d’interesse che potrebbero inasprire prematuramente le condizioni finanziarie per alcune delle economie più deboli della regione, alimentando il timore di un ritorno della frammentazione nella zona euro a 19 nazioni.

Il premio di rendimento dell’Italia sale al di sopra del livello psicologico, anche se al di sotto dei picchi di inizio 2020.

Dalla fine dell’anno scorso, i titoli italiani hanno registrato una sottoperformance a causa del timore che l’aumento dell’inflazione possa forzare la mano alla BCE. Tuttavia, lo spread è aumentato gradualmente rispetto alle precedenti fasi di stress del mercato, con un divario più ridotto rispetto ai primi mesi della pandemia e ben al di sotto dei livelli visti durante la crisi del debito sovrano di un decennio fa.

Venerdì i trader hanno anticipato le scommesse sul rialzo dei tassi della BCE dopo che il capo della Banca di Francia, Francois Villeroy de Galhau, ha dichiarato che i tassi di interesse potrebbero essere riportati sopra lo zero quest’anno se l’economia della zona euro non subirà un’altra battuta d’arresto. Si sono avvicinati a prezzare quattro rialzi di un quarto di punto entro la fine dell’anno.

Il rendimento del debito italiano a 10 anni è salito di sei punti base al 3,10%, mentre i tassi tedeschi equivalenti sono saliti di cinque punti base all’1,10%.

Le obbligazioni europee sono rimaste indietro rispetto a quelle del Regno Unito, dove giovedì la Banca d’Inghilterra ha pubblicato le prospettive più cupe di tutte le principali banche centrali di quest’anno. Il rendimento dei gilt a due anni è sceso di cinque punti base all’1,50%, mentre i tassi dei bund a due anni sono saliti di tre punti base allo 0,32%. I Treasury statunitensi sono scesi in vista del rapporto sull’occupazione.

Anche il mercato europeo si sta preparando ad una maggiore offerta di titoli di Stato dopo che la BCE ha terminato gli acquisti legati alla pandemia a marzo. Citigroup Inc. stima che il mese prossimo le vendite potrebbero salire ai massimi dal 2013 dopo aver tenuto conto delle cedole, dei rimborsi e del programma di acquisto di asset più ridotto della banca centrale. Meglio cercare riparo su NetBet a questo punto.

“L’impatto dell’imminente aumento dell’offerta netta di titoli di Stato dell’area dell’euro deve forse ancora riflettersi sugli spread”, ha dichiarato Aman Bansal, stratega del reddito fisso di Citi. “In altre parole, i venti contrari rimangono in agguato e ci aspettiamo che il BTP-Bund a 10 anni si allarghi verso i 225 punti base nei prossimi mesi”.

Cosa significa questo per le Marche? La regione, facendo parte dell’Italia e avendo un punteggio di rating simile, non può che essere preoccupata.

Soprattutto perché la regione ha una tranche di debito da €400 MLN in scadenza proprio un anno da adesso (27 giugno 2023). Dover rifinanziare il debito in uno scenario di tassi di interesse vertiginosi, metterebbe in ginocchio l’Italia e gran parte delle sue regioni.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!