AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

A che punto è lo sviluppo del digitale nelle Marche?

I marchigiani si affidano sempre di più alla rete e al mondo digitale anche l'intrattenimento

3.341 Letture
commenti
Studente con notebook - Fonte: Pixabay Autore: StartupStockPhotos

Lo sviluppo del digitale è uno dei temi caldi degli ultimi anni. Il passaggio alle tecnologie digitali ha rivoluzionato in modo profondissimo la nostra vita quotidiana, il nostro modo di organizzare il lavoro, il tempo libero e la socialità.

Abbiamo assistito a un vero e proprio cambio di paradigma. Oggi troviamo dispositivi digitali praticamente in ogni ambito della nostra esistenza. In questo quadro, la diffusione della connettività internet come fenomeno di massa globale rappresenta uno dei cambiamenti più significativi della storia contemporanea. Oggi, infatti, quasi la metà della popolazione mondiale accede a internet. Si stima che il numero di chi si connette abitualmente a internet aumenterà in modo molto significativo nei prossimi anni. Le informazioni circolano attraverso la rete in modo sempre più veloce, praticamente in tempo reale.

Tuttavia, il passaggio dall’analogico al digitale è un fenomeno molto complesso e poco omogeneo. Lo sviluppo digitale non segue necessariamente gli stessi ritmi e le stesse dinamiche ovunque nel mondo. L’Europa si digitalizza velocemente, ma non tutti i paesi europei vivono la cosa allo stesso modo. L’Italia, ad esempio, è un paese in cui si registrato diverse difficoltà, soprattutto al Meridione. Di regione in regione, infatti, notiamo diversi approcci e diverse politiche in merito alla digitalizzazione. Recentemente il PNRR ha modificato molte cose, dando incentivi molto significativi allo sviluppo locale e promuovendo maggiore omogeneità digitale a livello nazionale. Le Marche in questo contesto come si collocano?

Negli ultimi tempi nelle Marche si è assistiti a un’importante crescita in termini di digitalizzazione. Gli ultimi anni sono stati fondamentali in questo senso. Anche in momenti d’emergenza, molti marchigiani hanno potuto continuare a portare avanti le loro attività anche da remoto, grazie alla connettività e alla digitalizzazione del lavoro. La cosa è stata importante sotto molti di punti di vista, anche perché ha aperto prospettive inedite per molte realtà isolate, come borghi e piccoli paesi montani. Oggi molte persone possono lavorare da remoto, da qualsiasi luogo. Perché non far rinascere quindi borghi abbandonati, tornando a lavorare in questi luoghi, sfruttando la connessione alla rete? L’idea presenterebbe molti benefici per le Marche. Tuttavia, occorre investire maggiormente sulla connettività per trasformare questa opportunità in una realtà concreta.

Da questo punto di vista, dati interessanti arrivano anche dal fronte dell’istruzione. Le Marche in tempo d’emergenza hanno saputo offrire buoni servizi e il numero delle famiglie che dispone di dispositivi per connettersi alla rete è abbastanza alto. Purtroppo, però, il problema della velocità e della stabilità della connessione anche in questo caso si è dimostrato centrale e molto penalizzante. Allo stato attuale delle cose, la connessione alla rete nelle Marche è tra le più lente in tutta Italia.  

Ottime prospettive arrivano in campo sanitario. La Regione Marche si è dimostrata piuttosto all’avanguardia per quanto riguarda l’utilizzo della telemedicina e della raccolta di dati informatici, riuscendo a ottimizzare i costi del servizio, pur mantenendo alto il livello qualitativo delle prestazioni mediche. Inoltre, grazie al digitale è diventato molto più semplice uniformare la sanità a livello provinciale, creando dei data-center unificati.

Mani, tablet - Fonte: Pxhere Autore: fancycrave1I marchigiani si affidano sempre di più alla rete e al mondo digitale anche per tutto quello che concerne l’intrattenimento. Cresce l’interesse per le grandi piattaforme di streaming, che offrono contenuti di vario genere: serie televisive, film, musica, e non solo. Pure per quanto riguarda il gioco online, la regione segue trend praticamente globali. Anche nelle Marche le piattaforme internazionali di gioco online riscuotono grande successo. Tra le più amate possiamo annoverare PokerStars Casino, che propone all’utenza un’offerta molto ampia di giochi da casinò, partendo dai grandi classici da sala da gioco a quelli più innovativi, tutti disponibili direttamente in rete. Una grandissima crescita si segnala anche per tutto quello che concerne l’e-commerce e le vendite online. Nonostante l’iniziale diffidenza, oggi comprare in rete è un’abitudine per moltissimi marchigiani.

Nel complesso i marchigiani si dimostrano propensi all’utilizzo di tecnologie digitali. Tuttavia, il quadro che si prospetta è molto complesso. Si vede l’affermarsi di nuove realtà sempre più orientate al digitale, ma rimangono ancora molti progressi da fare, se si vuole creare un sistema efficiente e capace di generare valore a più livelli.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!