AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Emergenza idrica a Fabriano, la città attende i risultati dei rilievi dell’Asur

Sono circa novemila i residenti privi di acqua potabile a partire da venerdì 26 giugno

3.005 Letture
commenti
acqua, risorse idriche

Continua l’emergenza legata all’acqua potabile a Fabriano, dove a partire da venerdì 26 giugno circa 9.000 residenti si sono ritrovati senza acqua potabile, a causa dell’infiltrazione di batteri fecali in alcune condutture idriche.

A seguito della scoperta, era giunta tempestivamente l’ordinanza del sindaco Giancarlo Sagramola riguardo il divieto di bere l’acqua, se non dopo averla fatta bollire; vale comunque ricordare che il divieto non è valido per gli usi igienici.

Già nei primi giorni dell’emergenza si era mobilitata la Multiservizi, che nel tentativo di ovviare al problema aveva deciso di predisporre un’autocisterna, adibita a fornire acqua potabile alla cittadinanza in modo completamente gratuito.

Intanto, nella giornata di lunedì 29 giugno, avranno luogo i campionamenti da parte dell’Asur, che nel giro di qualche giorno dovrebbe pronunciarsi riguardo l’effettivo stato dell’acqua: la speranza è naturalmente quella che il problema venga risolto al più presto, al fine di ripristinare la situazione antecedente alla contaminazione delle condutture.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!