AnconaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Undici indagati per l’alluvione di Senigallia del 3 maggio 2014

Chiesta una proroga per le indagini per far luce sull'operato - tra gli altri - del sindaco Mangialardi e dell'ex Angeloni

1.348 Letture
commenti
Alluvione a Senigallia il 3 maggio 2014

Disastro colposo, omicidio colposo, omissione in atti d’ufficio e abuso d’ufficio. Sono solo alcuni dei vari capi d’imputazione per cui sono indagati il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi, insieme all’ex primo cittadino Luana Angeloni, e a nove tecnici e funzionari di Comune, Provincia di Ancona e Regione Marche.

Tutti e 11 avrebbero un ruolo con più o meno responsabilità ovviamente da accertare sulla disastrosa alluvione del 3 maggio 2014 che provocò tre morti e danni per quasi 200 milioni di euro…

 

Continua a leggere su SenigalliaNotizie.it

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ancona Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!